Pubblicato: 25/01/2018

Che Castro sia una terra d'incredibili meraviglie, non è più un mistero per nessuno. Il luogo del leggendario primo approdo italiano del valoroso Enea, infatti, non è conosciuto solo per le sue acque limpide e turchesi, ma anche per la varietà di escursioni che esso propone.

Una gioia per gli occhi 💙.💙

A post shared by •AG•😼 (@ale_snettik) on

Spostandosi in direzione nord verso Torre dell'Orso, ad appena una cinquantina di chilometri dall'Hotel Panoramico di Castro, si arriva alla Grotta della Poesia, uno dei luoghi più noti e suggestivi dell'intero Salento.

Una piscina naturale a cielo aperto

Ogni vacanza a Castro che si rispetti, non può che includere un'escursione alla rinomata Grotta della Poesia. Situata tra San Foca e Torre dell'Orso, quest'incredibile piscina naturale, inserita da Vanity Fair nel novero delle più belle e spettacolari al mondo, offre al turista tutto ciò che si possa desiderare da una vacanza al mare.

Mare, tuffi, immersioni e lunghe sessioni di tintarella, in uno scenario così incantevole, renderanno davvero perfetta la vacanza nel Salento. Le Grotte della Poesia, perché in realtà sono due e distanti poche decine di metri l'una dall'altra, sono diventate famose e ritrovo di turisti da ogni parte del mondo, grazie a una speciale peculiarità: i loro tetti sono completamente crollati, rendendole un paradiso a cielo aperto. L'acqua, inoltre, arriva da un piccolo canale percorribile a nuoto o grazie all'ausilio di una barchetta. Le iscrizioni messapiche, greche e in lingua latina rinvenute nel 1983 da Cosimo Pagliara hanno evidenziato come la grotta fosse dedicata al culto del dio Tator.

Tra storia e leggenda

Ma perché alla grotta è stato dato un nome così suggestivo ed evocativo? La leggenda, tramandata di padre in figlio, racconta di una bellissima principessa che amava tuffarsi nelle acque limpide e cristalline della grotta, già nota per le sue virtù salutari e benefiche. E fu proprio per esaltare e raccontare la sua leggendaria bellezza che in questo magico luogo salentino si riversavano schiere di poeti pronti a decantare le doti estetiche della giovane principessa. Ecco perché, dunque, Grotta della Poesia.

In realtà, secondo la versione più accreditata, non si tratterebbe di poesia, bensì di posia, termine greco che sottolineava come all'interno della grotta fosse presente una sorgente di acqua dolce. Considerata uno dei luoghi più celebri del Salento, fino a qualche anno fa, la Grotta della Poesia era del tutto sconosciuta al turismo di massa. Oggi, però, grazie alla sua bellezza e alle sfumature assunte dal mare quando è colpito dal sole, la grotta è presa d'assalto da frotte di turisti, innamorati della sua "poesia".

Nome *
Campo non valido

Cognome *
Campo non valido

Email *
Campo non valido

Messaggio
Inserire un messaggio

Privacy *
Accetta la privacy

Invalid Input

Contents © 1977-2016 - Panoramico S.r.l. - Castro Marina (LE) - P.IVA 04597290750. Design © 2016 - All Rights Reserved. Privacy Policy