Pubblicato: 26/04/2018

Troppo spesso andiamo a cercare la meraviglia a decine di migliaia di chilometri da casa nostra, senza sapere che tutto quello che desideriamo può essere trovato dietro l'angolo.

Tutti conosciamo il Salento e le sue bellezze: questo angolo d'Italia è, ormai, una delle mete estive più amate e ambite nel nostro Paese. Tuttavia, sarebbe un errore pensare di conoscere tutto di questo luogo, perché ci sono alcuni suoi anfratti, alcune piccole gemme nascoste ai più, dove perdersi nella meraviglia della natura.

Otranto: viaggio alla fine dell'Italia

Foto sopra: la splendida grotta vista dall'alto grazie a un drone

Percorrendo tutta la Puglia e arrivando fino alla sua estremità, si giunge a Otranto. Questo è il comune più orientale d'Italia, che sembra quasi volersi tendere per raggiungere la costa balcanica dell'altro lato del Mar Adriatico. Quella d'Otranto è una terra accogliente ma aspra allo stesso tempo, dove l'uomo da sempre ha trovato un porto sicuro in cui fermarsi per costruire le sue città ed espandere la sua cultura. La sua costa è un susseguirsi di piccole baie circondate dalle scogliere bianche e frastagliate. Il verde dei boschi circonda queste perle costiere e crea dei contrasti cromatici di forte impatto estetico. Sembrerà forse assurdo e quasi incredibile, ma tra queste intricate aree boschive che si spingono fino alla costa è ancora possibile fare nuove scoperte, individuare nuove aree sconosciute fino a quel momento. Questa emozione l'hanno provata sulla loro pelle due videomaker salentini impegnati in alcune riprese aree nell'area di Santo Stefano, a pochi chilometri da Otranto, dove hanno catturato delle immagini mozzafiato di una piscina naturale finora non conosciuta, o quasi.

La piscina naturale di Santo Stefano

La Grotta crollata di Santo Stefano è una zona abbastanza conosciuta dagli abitanti dell'area di Otranto. Rappresenta una delle mete meno affollate ma, al tempo stesso, suggestive in cui trascorrere qualche ora di relax in riva al mare. Tutti sanno che qui si trova un arco di pietra caratteristico, che quasi incornicia la meraviglia naturale di questo luogo, ma quasi nessuno sa dell'esistenza di una piscina naturale incastonata tra i boschi che circondano la baia. Raggiungerla in macchina è un possibile: i veicoli devono essere lasciati al termine della strada alla Baia dei Turchi e da lì si deve proseguire a piedi fino a raggiungere la piccola spiaggia di Santo Stefano. già qui si tocca con mano la grandezza della natura salentina ma è sulla destra, nascosta dai rami, che si trova la piscina. Un tuffo qui è d'obbligo una volta arrivati, circondati dal silenzio rotto solo dal rumore delle onde che scrosciano sulla bassa scogliera.

Fonte articolo: www.quotidianodipuglia.it

Nome *
Campo non valido

Cognome *
Campo non valido

Email *
Campo non valido

Messaggio
Inserire un messaggio

Privacy *
Accetta la privacy

Invalid Input

Contents © 1977-2016 - Panoramico S.r.l. - Castro Marina (LE) - P.IVA 04597290750. Design © 2016 - All Rights Reserved. Privacy Policy