La Puglia continua a macinare risultati positivi e ad iscrivere il proprio nome nella parte alta della graduatoria riservata alle presenze estive nel Bel Paese.

Nonostante un mese di agosto segnato da alcune tragedie dure da digerire, come quella del ponte Morandi a Genova e quella del torrente del Pollino, il turismo continua a crescere e a segnare un andamento più che positivo.

Una crescita che fa ben sperare

La stagione estiva italiana che si è appena conclusa ha fatto segnare l'arrivo di oltre 30 milioni di turisti tra giugno e agosto, un dato che vede un'impennata di circa un milione di arrivi rispetto al 2017. Le presenze annuali, invece, hanno superato i 230 milioni, con una crescita di quasi 12 milioni di unità rispetto all'anno precedente. La performance è ancora più significativa, poiché fa seguito ad anni di incrementi costanti.

È stato calcolato che la permanenza media supera di poco i sette giorni e che a fare la parte del leone durante la stagione estiva è stato il settore extra-alberghiero, che ha ospitato la maggior parte dei turisti. Il 60% dei viaggiatori, infatti, ha deciso di pernottare in alloggi indipendenti, di proprietà o affittati, mentre il restante 40% ha scelto hotel, campeggi, residence e agriturismi. La Puglia appare sostanzialmente in linea con questi dati.

La classifica degli arrivi

La regione che ha conquistato la piazza d'onore nella speciale graduatoria è la Sicilia, meta turistica d'eccellenza che si conferma la più ambita sia dagli italiani che dagli stranieri.

Sul podio sono presenti anche la Sardegna, con le sue meravigliose spiagge, e l'Emilia Romagna. A completare la top ten la Puglia, le Marche, la Toscana, la Liguria, il Lazio, il Veneto e la Campania. Anche la Basilicata ha fatto segnare una buona performance, grazie soprattutto alla spinta offerta da Matera, capitale europea della cultura per il 2019.

A fare da calamita sono state in particolar modo le città, capaci di garantire un'offerta particolarmente ricca, fatta di monumenti, eventi, shopping e movida. A preferire le grandi città sono stati soprattutto gli stranieri, con Roma in testa.

Milano resta saldamente aggrappata al secondo posto, mentre Venezia e Firenze seguono a ruota, precedendo Napoli, Genova, Verona, Pisa, Ravenna e Torino. Importanti segnali di ripresa giungono anche dalle regioni colpite dal sisma del 2016: Umbria e Marche, trainate soprattutto dalle eccellenze del luogo (Norcia, Assisi e Acquasanta Terme su tutte).

Nome *
Campo non valido

Cognome *
Campo non valido

Email *
Campo non valido

Ricevi Offerte e Promozioni Riservate


Messaggio
Inserire un messaggio

Privacy *
Accetta la privacy

Invalid Input

Contents © 1977-2016 - Panoramico S.r.l. - Castro Marina (LE) - P.IVA 04597290750. Design © 2016 - All Rights Reserved -