Il Salento è un territorio unico, ricco di bellezze naturalistiche, di spiagge con acque cristalline e di meraviglie architettoniche e culturali. Tra quest'ultime meritano senza dubbio una menzione speciale le opere architettoniche barocche che si possono trovare nella città di Lecce.

Il Barocco leccese: una delle meraviglie del Salento

Questo centro è un vero e proprio gioiello del territorio e la presenza dello stile barocco è così preponderante nella città da averle fatto attribuire il titolo di Firenze del Sud.

Il Barocco leccese è uno stile architettonico ed artistico nato tra i secoli XVI e XVIII e diffusosi nel Salento soprattutto nel Seicento.

Si tratta di uno stile particolare che supera i vecchi classicismi stilistici e che risente di influenze spagnole. Si caratterizza soprattutto per la presenza di ornamenti ricchi e decorazioni sfarzose che adornano le facciate di chiese e palazzi, create per solleticare l'immaginazione di chi li guarda.

Per questo, in una vacanza in Salento, la città di Lecce merita senz'altro una visita alla scoperta dei suoi monumenti più belli.

Il Barocco leccese: lo stile

Osservando le chiese e i palazzi di Lecce è possibile notare subito la straordinaria ricchezza e varietà di decorazioni che sono caratteristiche dello stile barocco. La pietra utilizzata, denominata proprio pietra leccese, è una pietra molto malleabile che si può lavorare facilmente con uno scalpello e anche con l'utilizzo delle mani.

In questo modo gli straordinari scultori leccesi e salentini hanno potuto trasformare questo grezzo materiale in un tripudio di fiori e frutti, in putti e angeli e in trafori e ricami che adornano le facciate degli edifici. La profonda conoscenza di questo materiale ha permesso agli scultori di poterla maneggiare al meglio, erano gli unici a sapere che, dopo averla modellata, la pietra leccese bagnata nel latte diventava più dura e resisteva meglio agli agenti atmosferici.

Gli architetti salentini che contribuirono a diffondere questo stile furono in particolare Giuseppe Zimbalo e Giuseppe Cino, entrambi nati a Lecce nella seconda metà del 1600.

Il Barocco leccese: i monumenti più belli

La lista di monumenti del Barocco leccese è molto lunga ed inizia senza dubbio dalla Basilica di Santa Croce, che costituisce l'opera più elevata e un simbolo di questo stile, con una facciata ricca di ricami, di figure grottesche, di putti e di animali allegorici. Anche il vicino Palazzo dei Celestini è un edificio di immenso pregio artistico con finestre decorate da elaborate cornici e fregi.

In piazza Duomo è possibile trovare altri due monumenti significativi: il Duomo e il Seminario, dove si può ammirare il pozzo riccamente decorato nel cortile. Infine meritano una visita anche le altre numerose chiese della città, come le chiese di Santa Chiara, di San Matteo e la Basilica di San Giovanni Battista.

Nome *
Campo non valido

Cognome *
Campo non valido

Email *
Campo non valido

Ricevi Offerte e Promozioni Riservate


Messaggio
Inserire un messaggio

Privacy *
Accetta la privacy

Invalid Input

Contents © 1977-2016 - Panoramico S.r.l. - Castro Marina (LE) - P.IVA 04597290750. Design © 2016 - All Rights Reserved -
ChiamaRichiedi PreventivoWhatsApp